Logo PRO FILIA PRO FILIA
PRO FILIA
PRO FILIA
Logo

© Benjamin Thorn / PIXELIO

La storia di PRO FILIA   

Nel 1896 un gruppo di donne coraggiose e lungimiranti di Friborgo creò sotto il nome «Associazione Nazionale Svizzera delle Opere di Protezione della Giovane» un’organizzazione con lo scopo di impegnarsi per proteggere dallo sfruttamento e dalla prostituzione la gioventù femminile che arrivava dalla campagna per stabilirsi in città. Esse avevano notato i problemi sociali conseguenti al forte sviluppo dell’industrializzazione e all’esodo massiccio dalle campagne verso le città. Come donne cristiane sentirono la necessità di fondare un aiuto per accogliere le giovani ragazze, sovente di appena 14 o 15 anni, che lasciavano la loro casa per guadagnarsi la vita. La fondazione di questa organizzazione di aiuto ebbe luogo durante il periodo del primo movimento femminista, la cui principale esigenza era aprire alle donne la via per ogni formazione sia professionale sia universitaria. Lo scopo era pure di impegnarsi per la dignità e la condizione della donna e di accompagnare le giovani nella loro nuova vita lontane da casa.

In pochi anni furono fondate in quasi tutti i cantoni delle sezioni per promuovere la collaborazione intercantonale.

1896: Friborgo, Ginevra, Vaud, Soletta

1897: Zugo, Vallese

1898: Argovia, Appenzello, Lucerna, Svitto, San Gallo, Zurigo

1899: Berna, Neuchâtel

1901: Giura bernese, Nidvaldo, Ticino

1902: Grigioni

1912: Obvaldo, Uri

1913: Turgovia

1918: Sciaffusa

1926: Glarona

Nel 1897 fu fondata l’associazione internazionale sotto il nome di ACISJF, Associazione Cattolica Internazionale Servizi per la Gioventù Femminile.

Il servizio d’accoglienza ebbe inizio alla stazione di Ginevra. Le giovani venivano accolte da volontarie ed accompagnate nelle pensioni. Queste erano in gran parte dirette da religiose, le quali si impegnavano ad aiutarle per trovare un lavoro. Ed è così che a poco a poco nacquero in tutta la Svizzera l’Aiuto alla stazione, le Case della giovane e gli Uffici di collocamento. Oggi il «Servizio di accoglienza alla stazione» è presente in 10 stazioni ferroviarie, in collaborazione con COMPAGNA (già Amiche della Giovane) e le FFS. Il servizio è a disposizione di tutti i viaggiatori a titolo gratuito ed è particolarmente utilizzato da persone anziane o invalide.

Il servizio principale di PRO FILIA era ed è tuttora il collocamento e l’assistenza di ragazze alla pari in Svizzera e all’estero. Lo scopo è l’apprendimento di una nuova lingua in una famiglia ospitante. In 11 cantoni sono presenti degli uffici che propongono i collocamenti a prezzi modici e senza scopo di lucro. Durante il soggiorno in qualità di ragazza alla pari o durante il periodo di stage è richiesta la frequentazione di un corso di lingua. Le direttive ed i contratti, valevoli in tutta la Svizzera, proteggono sia le impiegate/gli impiegati sia i datori di lavoro da eventuali spiacevoli conseguenze.

PRO FILIA possiede in 10 cantoni un totale di 13 immobili utilizzati come pensioni, foyer oppure hotel.

Da qualche anno alcune Case accolgono anche persone di sesso maschile.

Il Comitato Svizzero, suddiviso in sezioni, è costituito da membri volontari e da una segretaria a tempo parziale. Le18 associazioni cantonali operano in maniera autonoma e si impegnano a mantenere i servizi di PRO FILIA.


Facebook